+39 0171 411527 info@europietre.it

Crea il tuo giardino giapponese con le pietre naturali

blog-img

Crea il tuo giardino giapponese con le pietre naturali

Il giardino giapponese, o ‘zen‘, nasce tra i monaci buddisti come spazio silenzioso dedicato alla meditazione e alla riflessione sulla bellezza della natura. Si differenzia da quelli occidentali non solo per la sua aura rilassante e quieta, ma anche in termini estetici.

Si tratta di un giardino elegante, semplice, pulito e sicuramente di design.

La sua creazione non è tra le più complicate, anche perché le dimensioni dell’area da trattare non devono essere per forza eccessive: si tratta, infatti, di una realtà realizzabile sia all’esterno che all’interno di un’abitazione.

Elementi del giardino giapponese

Pochi sono i componenti essenziali di un giardino Zen:

  • piante (soprattutto grasse o tipiche nipponiche)
  • acqua
  • sabbia o ghiaia
  • pietre e rocce

Sono elementi presenti in natura che rappresentano la pace e la vita che si rigenera costantemente.

Le piante adatte al giardino giapponese

Le piante devono avere delle foglie piccole, pochi fiori e, se possibile, essere sempreverdi. Le colorazioni spaziano tra le tinte pastello, molto tenui, come il bianco, il rosa pallido o l’arancione chiaro.

Quelle più utilizzate per creare un giardino Zen sono:

  • bambù
  • acero giapponese
  • camelia giapponese
  • conifere nane (pini, abeti, ginepri…)
  • succulente (piante grasse sempreverdi e senza spine)

Come creare un rilassante laghetto

L’acqua si inserisce in questo tipo di creazione sotto forma di piccolo laghetto, reso spesso molto naturale anche grazie alla presenza di pesci rossi. Le pietre naturali vengono utilizzate per creare il bordo e dare profondità.

Le fasi per creare il giardino zen

Per prima cosa, andranno utilizzate delle pietre naturali locali (per creare armonia con il paesaggio circostante) che delimiteranno l’area da trattare. All’interno del recinto creato con la pietra si inserirà la sabbia (o sabbia e ghiaia, a piacere). Andranno poi inserite tutte le decorazioni del caso: il laghetto sopra citato, numerose aiuole delimitate sempre dalla pietra e anche dei sentieri non troppo regolari piazzando una roccia ogni tanto cercando quindi di creare un effetto naturale.

Da non dimenticare, in un giardino zen, le lanterne giapponesi, utili per le serate in famiglia o con gli amici e per apprezzare il vostro giardino così curato.

Consigli

Per aree importanti, è meglio chiedere l’aiuto di un giardiniere esperto, altrimenti con un po’ di pazienza ognuno di noi può creare un giardino Zen funzionante e di facile manutenzione.

Basterà, infatti, potare le piante due volte l’anno e rastrellare la sabbia ogni tanto per ricompattare le zone e mantenerle ordinate. Questa, tra l’altro, è un’attività che molti definiscono estremamente rilassante. Da provare!

Articoli correlati

Il giardino giapponese, o ‘zen‘, nasce tra i monaci buddisti come spazio silenzioso dedicato alla meditazione e alla riflessione sulla bellezza della natura. Si differenzia da quelli occidentali non solo per la sua aura rilassante e quieta, ma anche in termini estetici. Si tratta di un giardino elegante, semplice, pulito e sicuramente di design. La […]

Le balaustre, come sicuramente molti sapranno, sono strutture architettoniche che fungono da protezione alle persone evitando accidentali cadute e garantendo anche un appoggio sicuro. Esse possono avere le forme più disparate, possono essere decorate con fioriere e con capitelli. Con le balaustre si delimitano scale, terrazzi, balconi, sporgenze, e con esse vanno soprattutto tutelate le […]