Acciottolato per pavimentazioni da esterno: la posa in opera

Abbiamo parlato non troppo tempo fa dell’acciottolato usato per pavimentazione esterna nel post “Ciottoli di fiume: l’armonia delle forme”.

L’acciottolato è un tipo di pavimentazione estremamente carina da vedere e che viene eseguita senza bisogno di lavorare le pietre, ma usandole così come sono appena raccolte dal letto del fiume. Infatti i ciottoli sono già levigati e sufficientemente piatti per essere utilizzati così come si trovano in natura.

Un piccolo cenno storico: l’acciottolato è stato il primo tipo di pavimentazione che a partire dal XVIII secolo ha sostituito terra battuta nelle strade e nelle piazze delle nostre città. Si trovava facilmente e non richiedeva ‘manodopera’ prima di essere installato, pertanto è rimasto per secoli una delle pavimentazioni per esterni più gettonate nel nostro paese, almeno fino a che esigenze di traffico sia di veicoli che pedonale, non hanno fatto in modo che questo tipo di pavimentazione fosse sostituito dal meno personale asfalto. Recentemente però l’armonia delle forme e la facilità di posa hanno riportato in auge l’acciottolato che si è preso di nuovo una posizione privilegiata tra i materiali lapidei da pavimentazione per le strade e le piazze dei centri storici di molte piccole e grandi città.

Acciottolato urbano: la posa in opera

la posa in opera dell’acciottolato deve essere preceduta da un lavaggio che ha lo scopo di eliminare residui di terra e sabbia che inevitabilmente la pietra, data la sua porosità, porta con se fuori dalla cava o dal letto del fiume (o dal fondo del mare). Una volta lavate le pietre, è bene passare alla preparazione del sottofondo che deve essere il più possibile piatto e omogeneo.

Esistono tre diversi modi per installare i ciottoli di fiume:

  • di testa (asse maggiore verticale);
  • di piatto (ideale per ciottoli di forma oblunga);
  • di taglio (per i ciottoli di forma ovoidale).

A seconda del risultato che si vuole ottenere e anche dalle dimensioni del ciottolo in questione, il posatore sceglierà il sistema di installazione migliore. In ogni caso potrà posare i ciottoli in due modi diversi: a secco o con leganti. La tecnica di posa a secco viene eseguita su un letto di sabbia. Questo tipo di posa sta lentamente scomparendo perché la sabbia tende a far muovere i ciottoli i quali richiedono spesso manutenzione per tornare nella posizione originale. I leganti chimici invece usati all’interno del letto di posa o come malte tra un ciottolo e l’altro, fanno in modo che la pavimentazione in acciottolato risultai più compatta ed uniforme e soprattutto non richieda manutenzione periodica salvo rari casi.

Ti potrebbe interessare anche:
Pavimenti esterni: differenze tra porfido e granito

Per i pavimenti di porticati, giardini, sentieri, si utilizzano spesso due materiali molto conosciuti: il granito e il porfido. In Leggi di più

Uso della pietra nelle pavimentazioni
pavimentazione binderi europietre

Un pavimento in pietra: originalità e raffinatezza L'uso della pietra nelle pavimentazioni è piuttosto antico, infatti rappresenta uno dei primi Leggi di più

Pavimenti in ciottoli, la storia

Da sempre l'uomo ha tentato di pavimentare il terreno ricoprendolo di materiali più vari, nel tentativo di agevolarne gli spostamenti Leggi di più

Scivolo per disabili per marciapiedi: perché la pietra è meglio
scivolo disabili

Il tema delle barriere architettoniche è sempre attuale nei contesti urbani, nei quali i marciapiedi sono spesso l’oggetto più discusso Leggi di più

Lascia un commento