+39 0171 411527 info@europietre.it

Pavimenti esterni: differenze tra porfido e granito

blog-img

Pavimenti esterni: differenze tra porfido e granito

Per i pavimenti di porticati, giardini, sentieri, si utilizzano spesso due materiali molto conosciuti: il granito e il porfido.

In pochi, però, ne conoscono davvero le caratteristiche peculiari e le differenze.

Non che uno sia migliore dell’altro, ma a volte bisogna fare alcuni ragionamenti in base al reale utilizzo della zona da pavimentare.

Le colorazioni: prima scelta da fare

Il granito può presentare una gamma davvero ampia di nuance; può avere venature azzurre, essere di tipo ‘sale e pepe’, rosso, verde… il prezzo ovviamente varia e aumenta nel momento in cui la scelta ricade su colorazioni molto particolari e poco diffuse.

Il porfido, invece, è disponibile con una gamma limitata di nuance tra cui scegliere: toni del rosso ruggine, qualche variante sul caffellatte o del sale e pepe se parliamo di porfido quarzifero.

Malleabilità e lavorazione di porfido e granito

Anche le caratteristiche di resistenza sono importanti: ricordiamo che il porfido durante la lavorazione può essere ridotto a dadini piccoli (per realizzare mosaici e ‘sampietrini’), mentre il granito rischia di scheggiarsi quando le dimensioni sono molto piccole.

Per superfici di grandi dimensioni, però, il granito la fa da padrone: è uno dei materiali più duri e resistenti che la natura ci offre.

E’ infatti caratterizzato da una grana grossolana di quarzo e mica. Essendo particolarmente resistente all’usura, al calpestio e all’azione degli acidi, seppur difficile da lavorare, viene posato per pavimentazioni esterne o anche per i piani cottura delle cucine.

La lucentezza particolare che il granito riesce ad acquisire dopo i trattamenti di pulizia e levigatura, dona alla pietra varie sfumature e molteplici tonalità.

Di contro, gli spigoli vivi del porfido resistono meglio alle scalfitture e al tempo grazie alla composizione di questo materiale.

Il porfido, infatti, è una roccia vulcanica molto resistente costituita da un impasto vetroso. La sua superficie è antiscivolo.

Entrambi i materiali resistono molto bene al freddo, alle intemperie e al gelo; il porfido, in particolare, viene utilizzato anche in luoghi urbani dedicati a passeggiate e a zone a traffico limitato.

Metodi di assemblaggio per pavimenti e muretti

Il porfido può essere tranquillamente incollato con materiali tipici dell’edilizia moderna e la sua superficie irregolare lo mantiene più saldo.

Il granito può essere posizionato e incollato tranquillamente per i pavimenti, mentre su muretti o similari ha bisogno delle viti per un fissaggio più sicuro.

Pavimenti lucidi o grezzi?

Se si preferiscono i pavimenti lucidati dalla superficie regolare, meglio optare per il granito, molto resistente e fortemente calpestabile sia da grezzo che da levigato/lucidato.

La stessa cosa non si può dire del porfido, perché le lavorazioni in superficie su questo materiale durano poco nel tempo; la manutenzione sarebbe estenuante e costosa.

Scegli il tuo pavimento ideale, oppure affidati a noi per una scelta più sicura!

Articoli correlati

Per i pavimenti di porticati, giardini, sentieri, si utilizzano spesso due materiali molto conosciuti: il granito e il porfido. In pochi, però, ne conoscono davvero le caratteristiche peculiari e le differenze. Non che uno sia migliore dell’altro, ma a volte bisogna fare alcuni ragionamenti in base al reale utilizzo della zona da pavimentare. Le colorazioni: […]

Le caditoie stradali sono elementi di edilizia urbana o residenziale che vengono inseriti nel pavimento stradale: hanno un ruolo molto importante in quanto smaltiscono le acque piovane e di scolo nel sistema di fognatura. I liquidi confluiti nei pozzetti possono derivare sia dal lavaggio delle strade sia dalla semplice pioggia. Dove si trovano le caditoie […]

error: Content is protected !!