Pavimentazione in lastre di pietra naturale: l’importanza di un buon sottofondo

Avere un buon sottofondo è fondamentale per qualsiasi tipo di pavimentazione, compresa quella realizzata con lastre di pietra naturale. La questione è decisamente intuitiva: un buon sottofondo limita le irregolarità e riduce il rischio di rottura e fratturazione delle pietre. Il fatto che le lastre possano poggiare su una superficie stabile favorisce anche la distribuzione dei carichi ed è proprio questo l’aspetto che consente di mantenere in vita più a lungo la pavimentazione.

Un buon sottofondo di posa deve rispondere a determinati requisiti che possiamo schematizzare così:

  • conformità al progetto
  • resistenza e staticità
  • pulizia della superficie

Per quanto riguarda la conformità al progetto la motivazione è piuttosto semplice: la quota del sottofondo deve essere realizzata in modo tale che la pavimentazione finale si trovi all’altezza stabilita. Questa fase deve tenere conto delle irregolarità del terreno e della necessità di avere un pavimento il più omogeneo possibile (dal punto di vista strutturale).

L’altro criterio di cui si deve tener conto è la resistenza fisico-meccanica e staticità, cioè il parametro che consente di capire quanto il sottofondo è in grado di sostenere i carichi e le sollecitazioni che subisce la pavimentazione. Tutte le sollecitazioni infatti subite dalla pavimentazione in pietra naturale saranno trasmesse inevitabilmente al sottofondo il quale dovrà accoglierle in modo controllato, senza subire cambiamenti fisici e statici repentini che possano compromettere la pavimentazione stessa.

L’ultimo fattore fondamentale è la pulizia della superficie: per evitare che gli strati di pietra naturale subiscano variazioni estetiche è fondamentale che il sottofondo sia pulito ed ordinato. Questo significa eliminare sporco, ciottoli, scarti di cantiere, chiodi e tutto quello che può danneggiare le lastre di pietra naturale.

In linea generale possiamo dire che è fondamentale conoscere perfettamente la struttura su cui si andrà a creare la pavimentazione la quale può essere costituita da elementi portanti o da vari vari strati ognuno con una funzione precisa a seconda del tipo di pavimentazione e del comportamento che vogliamo essa assuma. In particolare gli strati di cui sopra sono quello impermeabilizzante e quello dedicato all’isolamento termico. Presto ne parleremo.

Ti potrebbe interessare anche:
Pavimenti esterni: differenze tra porfido e granito

Per i pavimenti di porticati, giardini, sentieri, si utilizzano spesso due materiali molto conosciuti: il granito e il porfido. In Leggi di più

Uso della pietra nelle pavimentazioni
pavimentazione binderi europietre

Un pavimento in pietra: originalità e raffinatezza L'uso della pietra nelle pavimentazioni è piuttosto antico, infatti rappresenta uno dei primi Leggi di più

Pavimenti in ciottoli, la storia

Da sempre l'uomo ha tentato di pavimentare il terreno ricoprendolo di materiali più vari, nel tentativo di agevolarne gli spostamenti Leggi di più

Scivolo per disabili per marciapiedi: perché la pietra è meglio
scivolo disabili

Il tema delle barriere architettoniche è sempre attuale nei contesti urbani, nei quali i marciapiedi sono spesso l’oggetto più discusso Leggi di più

Lascia un commento