+39 0171 411527 info@europietre.it

Acciottolato urbano una storia antica per una posa sempre attuale

blog-img

Acciottolato urbano una storia antica per una posa sempre attuale

acciottolato-di-alessandria-via-vochieri

L’acciottolato urbano è un’ottima scelta per le zone che richiedono particolare attenzione estetica. Bello da vedere e anche molto resistente, è una delle scelte che prevede maggiore attenzione alla posa perché una posa sbagliata può portare a dislivelli importanti e poca continuità nel piano calpestabile.

Dicevamo che la posa in opera dell’acciottolato richiede molta abilità perché i singoli ciottoli in pietra naturale vanno posati manualmente con particolare cura anche per dare una continuità cromatica. Le pietre che compongono l’acciottolato infatti, sono naturali e quindi ricche di sfumature diverse che vanno dal bianco al grigio passando per il rosso. Gli artigiani di Europietre riescono a combinare i vari colori creando anche particolari disegni secondo il gusto e l’esigenza della clientela. La posa dell’acciottolato può essere fatta sia su sabbia che su una miscela di sabbia e cemento. Una volta posati devono poi essere battuti, sempre rigorosamente a mano.

Ma facciamo un passo indietro: l’acciottolato è una della pavimentazioni più antiche al mondo: i primi a sfruttarla nel nostro paese sono stati i romani che vantano non solo questo privilegio. Sfruttavano questa tecnica non solo per creare strade più resistenti, ma soprattutto drenanti. Ai tempi la posa era eseguita solamente con sabbia, come è facile intuire. Le strade romane erano molto simile alle attuali strade vicinali che possiamo incontrare nelle zone rurali delle province italiane, cioè a schiena d’asino (con una importante “gobba” centrale che favorisce il drenaggio dell’acqua verso l’esterno). Usando questo tipo di struttura era inevitabile scegliere pietre piccole che erano più semplici da usare e permettevano di mantenere inalterata la struttura natia. Per onor di cronaca dobbiamo sottolineare che le prime strade costruite dai romani non avevano come fondo stradale l’acciottolato, bensì pietre lapidee di grande superficie che avevano anche lo scopo di mantenere intatta la struttura, “legando” la strada grazie alla compattezza del materiale.

Ai giorni nostri l’acciottolato viene usato per piazze e centri pedonali, anche per, come dicevamo all’inizio di questo articolo, creare bellissimi disegni. In questo caso gli artigiani sono soliti unire pietre diverse per creare disegni sempre più particolari. Un esempio sono i bei disegni presenti nei passaggi pedonali di Via Vochieri ad Alessandria dove si gioca con i colori per creare un bel disegno all’interno di una pavimentazione creata con cubetti di pietra naturale.

Articoli correlati

Le amministrazioni comunali si trovano spesso a dover pensare al decoro urbano del Paese che amministrano. Indipendentemente dal budget a disposizone, qual è la scelta migliore da fare tra pietra e ecemento? Ad esempio: le fontane, che spesso si sincontrano in diverse misure nelle piazze dei comuni italiani, è meglio che siano in cemento o […]

I cordoli in pietra sono bellissimi e soprattutto molto resistenti. Disponibili in diverse finiture e misure, possono avere dei richiami catarifrangenti per garantire la massima sicurezza, qualora vengano utilizzati nelle isole spartitraffico o nelle rotonde stradali.  Ma i suoi utilizzi sono molteplici: possono infatti essere utilizzati per le strade e quindi per delimitare determinate zone, ma anche nei […]