+39 0171 411527 info@europietre.it

Pietra, la nostra amica in un ricordo del 1936

blog-img

Pietra, la nostra amica in un ricordo del 1936

bancali-pezzi-speciali-3

Adoriamo le pietre naturali, ne abbiamo fatto il nostro lavoro, la nostra vita. Proprio per questo motivo ci impegniamo a cercare sempre informazioni riguardo la pietra, per mantenerci aggiornati, certo, ma anche per ricordare da dove veniamo, da dove viene il materiale che tanto apprezziamo e per capire qual è l’evoluzione che il nostro lavoro ha compiuto nel corso degli anni.

Navigando in Internet ci siamo imbattuti in un vecchio video dell’Istituto Luce, nel quale si vedono le operazioni che avvenivano in una cava nel 1936.

Osservando il video si può capire la durezza del lavoro di cava e anche la resistenza della pietra magistralmente lavorata tra gli scalpelli dei volenterosi operai.

La mina esplode, i massi cadono e gli operai raccolgono. Si comincia subito la lavorazione, spaccando le pietre con l’ausilio di un martello e di uno scalpello. Sotto la forza e la precisione di uomini di grande esperienza, la pietra cede e si rompono anche i massi più grandi.

Un tuffo nel passato che tiene vivo il ricordo sulla valenza storica del materiale che quotidianamente maneggiamo. Un video che ci ricorda da dove siamo venuti, non solo noi che con le pietre ci lavoriamo, ma tutti. Siamo venuti dalla roccia.

Articoli correlati

Passeggiando per una strada ti sarà sicuramente capitato di vederli, magari senza conoscerne il nome. Sono i cordoli in pietra, una produzione edilizia di largo utilizzo nell’architettura urbana. Ma cosa sono i cordoli o cordoni di pietra? Il cordolo in pietra è solitamente un parallelepipedo di pietra che delimita due superfici vicine. Uno degli utilizzi […]

Le amministrazioni comunali si trovano spesso a dover pensare al decoro urbano del Paese che amministrano. Indipendentemente dal budget a disposizone, qual è la scelta migliore da fare tra pietra e ecemento? Ad esempio: le fontane, che spesso si sincontrano in diverse misure nelle piazze dei comuni italiani, è meglio che siano in cemento o […]