+39 0171 411527 info@europietre.it

Rotatoria: quando il traffico svolge in tondo

blog-img

Rotatoria: quando il traffico svolge in tondo

Rotatoria con cordolo in granito

La prima rotatoria della storia è stata creata in Inghilterra nella famosa piazza Piccadilly Circus nel centro del capoluogo britannico, Londra. Da quell’anno di rondò (denominazione francese di rotatoria), se ne sono costruiti a centinaia. Da Londra a New York passando per tutta la Francia, piano piano le rotatorie hanno invaso anche il nostro paese.

Una nota interessante: le prime rotatorie non avevano il senso di circolazione come quelle attuali, cioè la precedenza non veniva data a chi già girava all’interno, ma a chi entrava. Fortunatamente la regola è cambiata molto rapidamente ed oggi, grazie al diritto di precedenza per chi gira, si sono ridotti notevolmente gli incidenti stradali.

Le rotatorie devono rispondere a determinati requisiti dettati dal codice della strada. Elenchiamo i principali:

  • A seconda della geometria della rotatoria, l’isola non transitabile è compresa tra 0 e 19 metri. So che 0 può sembrare un dato strano, ma dobbiamo riflettere sull’esistenza delle mini rotatorie, che sono realizzate con complementi che consentono il transito di veicoli di grandi dimensioni.
  • La fascia complanare all’isola non transitabile, solitamente realizzata con cordoli smussati, è compresa tra 3 e 40 metri.
  • L’anello di circolazione (cioè la strada vera e propria) è invece compreso tra 13 e 60 metri a seconda della geometria.

Non di rado osserviamo all’interno delle rotatorie nostrane, decorazioni di arredo urbano che abbelliscono il paesaggio. Si tratta di scelte non sempre felici, perché possono inficiare sulla sicurezza dei veicoli che, per disgrazia, entrano nell’isola non transitabile.

Esistono però molte situazioni in cui le decorazioni interne non recano alcun pericolo. In questi casi si tende ad abbellire la rotonda con fioriere, fontane o statue.

Articoli correlati

Per i pavimenti di porticati, giardini, sentieri, si utilizzano spesso due materiali molto conosciuti: il granito e il porfido. In pochi, però, ne conoscono davvero le caratteristiche peculiari e le differenze. Non che uno sia migliore dell’altro, ma a volte bisogna fare alcuni ragionamenti in base al reale utilizzo della zona da pavimentare. Le colorazioni: […]

Le caditoie stradali sono elementi di edilizia urbana o residenziale che vengono inseriti nel pavimento stradale: hanno un ruolo molto importante in quanto smaltiscono le acque piovane e di scolo nel sistema di fognatura. I liquidi confluiti nei pozzetti possono derivare sia dal lavaggio delle strade sia dalla semplice pioggia. Dove si trovano le caditoie […]

error: Content is protected !!