+39 0171 411527 info@europietre.it

Granito: la roccia dai grandi cristalli

blog-img

Granito: la roccia dai grandi cristalli

granito

Il granito è una rocca eruttiva che affiora dalla crosta terreste. La struttura è creata da cristalli di dimensioni importanti di origine magmatica. La composizione prevede un alta percentuale di ortoclasio, quarzo e mica. L’ortoclasio è un silicato di alluminio e potassio e si presenta in color bianco o rosato. Ha la caratteristica di sfaldarsi secondo il piano ortogonale. Il quarzo è invece costituito da biossido di silicio ed è incolore se completamente puro o altrimenti lievemente colorato, in particolare rosato. La mica indica un gruppo di minerali di origine eruttiva, metamorfica o sedimentaria, costituiti da metalli alcalini che si sfaldano in sottili lamine leggermente flessibili.

Esistono tre tipi diversi di classificazione dei graniti: alfabetica, Pitcher e Pearce.

Classificazione alfabetica

Secondo questa classificazione i graniti si dividono in:

  • I-graniti, derivati da rocce ignee
  • S-graniti, derivanti da rocce sedimentarie o metamorfiche
  • M-graniti, derivanti da cristallizzazione frazionata
  • A-graniti, derivanti dall’interazione con la parte inferiore della crosta.

La Classificazione di Pitcher divide invece i graniti secondo tre grandi classi:

  • Andinotipi di origini calacaline, tipici delle Ande
  • Calendoliani di origine plutonismo breve e intenso
  • S-ercinotipi che, come le precedenti sono di origine plutonica breve e intensa, ma con presenza di muscovite.

Classificazione di Pearce

La classificazione di J.A. Pearce tiene conto della concentrazione degli elementi in tracce i quali non influiscono direttamente sulle proprietà fisiche.

Il granito è molto diffuso nella nostra penisola: ne è ricco il Gennargentu, così come l’Aspromonte e la Sila. A nord lo troviamo nell’arcipelago toscano e in provincia di Grosseto. È di granito il Monte Bianco, il Monte Rosa e il Gran Paradiso. I colori tipici sono molto variabili sulla scala del rosa, del violaceo e del grigio. La principale caratteristica del granito è la durezza: resiste molto bene all’usura e agli agenti atmosferici ed ha un elevato carico di rottura, proprio queste caratteristiche fisiche lo rendo un materiale perfetto, ad esempio, per la costruzione dei marciapiedi o per la pavimentazione. In Italia si usano in particolare cordoli e cubetti in granito per pavimentazione.

Photo Credit

Articoli correlati

Passeggiando per una strada ti sarà sicuramente capitato di vederli, magari senza conoscerne il nome. Sono i cordoli in pietra, una produzione edilizia di largo utilizzo nell’architettura urbana. Ma cosa sono i cordoli o cordoni di pietra? Il cordolo in pietra è solitamente un parallelepipedo di pietra che delimita due superfici vicine. Uno degli utilizzi […]

Le amministrazioni comunali si trovano spesso a dover pensare al decoro urbano del Paese che amministrano. Indipendentemente dal budget a disposizone, qual è la scelta migliore da fare tra pietra e ecemento? Ad esempio: le fontane, che spesso si sincontrano in diverse misure nelle piazze dei comuni italiani, è meglio che siano in cemento o […]