Pavimenti esterni: differenze tra porfido e granito

Per i pavimenti di porticati, giardini, sentieri, si utilizzano spesso due materiali molto conosciuti: il granito e il porfido.

In pochi, però, ne conoscono davvero le caratteristiche peculiari e le differenze.

Non che uno sia migliore dell’altro, ma a volte bisogna fare alcuni ragionamenti in base al reale utilizzo della zona da pavimentare.

Le colorazioni: prima scelta da fare

Il granito può presentare una gamma davvero ampia di nuance; può avere venature azzurre, essere di tipo ‘sale e pepe’, rosso, verde… il prezzo ovviamente varia e aumenta nel momento in cui la scelta ricade su colorazioni molto particolari e poco diffuse.

Il porfido, invece, è disponibile con una gamma limitata di nuance tra cui scegliere: toni del rosso ruggine, qualche variante sul caffellatte o del sale e pepe se parliamo di porfido quarzifero.

Malleabilità e lavorazione di porfido e granito

Anche le caratteristiche di resistenza sono importanti: ricordiamo che il porfido durante la lavorazione può essere ridotto a dadini piccoli (per realizzare mosaici e ‘sampietrini’), mentre il granito rischia di scheggiarsi quando le dimensioni sono molto piccole.

Per superfici di grandi dimensioni, però, il granito la fa da padrone: è uno dei materiali più duri e resistenti che la natura ci offre.

E’ infatti caratterizzato da una grana grossolana di quarzo e mica. Essendo particolarmente resistente all’usura, al calpestio e all’azione degli acidi, seppur difficile da lavorare, viene posato per pavimentazioni esterne o anche per i piani cottura delle cucine.

La lucentezza particolare che il granito riesce ad acquisire dopo i trattamenti di pulizia e levigatura, dona alla pietra varie sfumature e molteplici tonalità.

Di contro, gli spigoli vivi del porfido resistono meglio alle scalfitture e al tempo grazie alla composizione di questo materiale.

Il porfido, infatti, è una roccia vulcanica molto resistente costituita da un impasto vetroso. La sua superficie è antiscivolo.

Entrambi i materiali resistono molto bene al freddo, alle intemperie e al gelo; il porfido, in particolare, viene utilizzato anche in luoghi urbani dedicati a passeggiate e a zone a traffico limitato.

Metodi di assemblaggio per pavimenti e muretti

Il porfido può essere tranquillamente incollato con materiali tipici dell’edilizia moderna e la sua superficie irregolare lo mantiene più saldo.

Il granito può essere posizionato e incollato tranquillamente per i pavimenti, mentre su muretti o similari ha bisogno delle viti per un fissaggio più sicuro.

Pavimenti lucidi o grezzi?

Se si preferiscono i pavimenti lucidati dalla superficie regolare, meglio optare per il granito, molto resistente e fortemente calpestabile sia da grezzo che da levigato/lucidato.

La stessa cosa non si può dire del porfido, perché le lavorazioni in superficie su questo materiale durano poco nel tempo; la manutenzione sarebbe estenuante e costosa.

Scegli il tuo pavimento ideale, oppure affidati a noi per una scelta più sicura!

Ti potrebbe interessare anche:
Uso della pietra nelle pavimentazioni
pavimentazione binderi europietre

Un pavimento in pietra: originalità e raffinatezza L'uso della pietra nelle pavimentazioni è piuttosto antico, infatti rappresenta uno dei primi Leggi di più

Pavimenti in ciottoli, la storia

Da sempre l'uomo ha tentato di pavimentare il terreno ricoprendolo di materiali più vari, nel tentativo di agevolarne gli spostamenti Leggi di più

Scivolo per disabili per marciapiedi: perché la pietra è meglio
scivolo disabili

Il tema delle barriere architettoniche è sempre attuale nei contesti urbani, nei quali i marciapiedi sono spesso l’oggetto più discusso Leggi di più

Pavimentazione per esterni: tutto quello che ti abbiamo detto

Ormai lo sai, niente è meglio della pietra naturale per la pavimentazione per esterni. Solida, bella da vedere, facile da Leggi di più